Presidenza della Repubblica

menu di navigazione

percorso:  Presidenti /  Giorgio Napolitano /  discorso secondo mandato

DISCORSO - SECONDO MANDATO

Intervento del Presidente della Repubblica Napolitano in occasione del 191° anniversario di fondazione del Corpo forestale dello Stato


Palazzo del Quirinale, 14/10/2013

Con l'ingegnere Cesare Patrone, il vostro Capo, abbiamo discusso dei compiti nuovi che sta assumendo e delle funzioni accresciute che sta svolgendo il Corpo forestale dello Stato, il che corrisponde anche ad una maturazione dell'opinione pubblica : questo è un fattore essenziale.
E' cresciuta nella nostra società la sensibilità per i valori dell'ambiente, del paesaggio, e per la necessità di tutelare questo straordinario patrimonio che è stato molto offeso, molto ferito da comportamenti dissennati di singoli, e non solo di singoli. Siamo alle prese anche con fenomeni clamorosi che riguardano una vasta zona della Campania. Lì poi il discorso sulla tutela dell'ambiente, del paesaggio, dell'agricoltura si confonde o si incrocia con la gravissima mancata soluzione del problema dello smaltimento dei rifiuti : in alcune zone siamo dinanzi a pericoli gravi per la salute, oltre che per l'ambiente, per la salute delle persone, per la salute dei terreni, e quindi anche per la salute della produzione agricola.
Di questo paesaggio straordinario che è l'Italia nel suo insieme ieri sera parlava in un'intervista televisiva l'Architetto Renzo Piano, uno dei maggiori architetti italiani nel mondo, di recente nominato Senatore a vita, che ha dedicato tutto il suo intervento alla 'glorificazione' dell'Italia come paesaggio in tutti i sensi, antropizzato e naturale. Però dobbiamo sapere che occorre una vigilanza molto qualificata e molto stringente, e voi dovete sentirvi in un certo senso i custodi di questo patrimonio, perché serve vigilanza, capacità di intervento tempestivo, di intervento repressivo, ma soprattutto occorrono misure di salvaguardia e sistemazione del territorio, cioè di carattere preventivo.
Abbiamo anche discusso sulla necessità di dare sempre alternative a chi voglia staccarsi da pratiche del passato che hanno portato a questi fatti di inquinamento spaventoso di distruzione o di lesione del paesaggio.
Credo che il momento della formazione sia veramente determinante per la qualità del Corpo : rappresenta un punto di partenza, un'acquisizione di base indispensabile per poi poterci costruire sopra un'esperienza che corrisponda alle esigenze del Corpo quali sono determinate dalle leggi e anche dalla collaborazione con altre amministrazioni, segnatamente con l'Amministrazione della Polizia di Stato. Questo collegamento, che non è solo con la Polizia di Stato, ma in generale con la struttura del Ministero dell'Interno, si è realizzato nel corso della formazione dei commissari e credo che ciò abbia un valore emblematico.
Voi avrete diverse collocazioni nel Corpo, ma sono tutte interconnesse, tutte interdipendenti, e io sono convinto che sotto la guida del Capo e del Vice-Capo del Corpo forestale potrete dare il contributo che il paese si attende da voi.
Bisogna anche dare il massimo di valorizzazione pubblica di quello che si fa perché tante cose non si sanno. Adesso sentivo descrivere dall'Ingegner Patrone l'impegno sul fronte della lotta al maltrattamento degli animali e questo è un aspetto poco conosciuto tranne che localmente, magari dove sono avvenute vicende clamorose come tra Rimini e Genova.
Mi sembra che stiano maturando le condizioni per una maggiore partecipazione dei cittadini al successo del vostro compito, perché guai se ci fosse un atteggiamento di incomprensione, di resistenza passiva o addirittura una posizione sostanzialmente sabotatrice dei vostri sforzi. Penso che così non sia.
Abbiamo parlato delle riserve naturali, ho parlato l'altro ieri con il Ministro dell'Ambiente dei parchi naturali e delle zone protette. Ci sarà un importante evento nazionale agli inizi di dicembre, promosso dal Ministero dell'ambiente, su tali temi.
Insomma, si sta componendo un quadro più impegnativo, più efficace delle nostre responsabilità e degli obiettivi che ci proponiamo. In questo spirito vi rivolgo un vivissimo augurio, non solo perché è l'anniversario del Corpo ma perché avete da fare un percorso importante ancora prima di concludere il vostro itinerario di formazione.