Presidenza della Repubblica

menu di navigazione

percorso:  Presidenti /  Giorgio Napolitano /  discorso primo mandato

DISCORSO - PRIMO MANDATO

Intervento del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, alla presentazione della "Campagna per la sicurezza sul lavoro" di Pubblicita' Progresso


Palazzo del Quirinale, 11/01/2008


INTERVENTO DEL
PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
GIORGIO NAPOLITANO
ALLA PRESENTAZIONE DELLA
"CAMPAGNA PER LA SICUREZZA SUL LAVORO"
DI PUBBLICITÀ PROGRESSO

PALAZZO DEL QUIRINALE, 11 GENNAIO 2008

Vorrei semplicemente esprimere le mie vivissime felicitazioni per questa realizzazione che, mi pare, molto efficace, molto appropriata.
Il tema, in realtà, è anche più discusso di quanto non sembri immediatamente dopo un incidente, anche dopo una catena di incidenti gravi e atroci come quelli che oramai tutti conoscono per aver seguito l'odissea dei lavoratori ustionati - possiamo dire bruciati vivi - nel rogo della ThyssenKrupp.
Poi, ci sono anche momenti di approfondimento e di distinguo. Per esempio, sappiamo che c'è discussione sui dati statistici relativi all'incidenza degli incidenti sul lavoro, in modo particolare degli incidenti mortali in Italia, anche in termini comparativi rispetto ad altri paesi europei. Sappiamo che qualche commentatore straniero ha addirittura eccepito che drammatizziamo troppo, perché quello che accade sarebbe considerato normale dovunque in Europa. Francamente, credo che non possiamo correre dietro a comparazioni di questa natura: è bene essere il più possibile precisi e puntuali, anche nel rivedere anno per anno - rispetto a fasi precedenti - l'andamento di questo fenomeno, ma che sia un fenomeno di per sé gravissimo, spaventoso che richiede il massimo allarme sociale e il massimo intervento di tutte le componenti del mondo del lavoro e del mondo istituzionale, non può essere messo in dubbio.
Perciò credo che anche l'impegno pubblico e privato che si esprime attraverso questa campagna di Pubblicità Progresso sia molto significativo, molto utile.
Noi facciamo uno sforzo per avvicinarci, come Istituzioni (anche come Presidenza della Repubblica) a tecniche di comunicazione che oramai giuocano un ruolo essenziale e insostituibile. Quindi, auguro la più felice conclusione a questa campagna, il più positivo sviluppo a questo impegno. E avremo occasione di rivederci con chi ci aiuta a trasmettere dei messaggi importanti dal punto di vista istituzionale, sociale e civile agli italiani.