Presidenza della Repubblica

menu di navigazione

percorso:  Presidenti /  Giorgio Napolitano /  comunicato primo mandato

COMUNICATO - PRIMO MANDATO

Colloquio del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano con l'astronauta Paolo Nespoli nel corso del collegamento con la Stazione Spaziale Internazionale




Nota

COLLOQUIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
GIORGIO NAPOLITANO
CON L'ASTRONAUTA PAOLO NESPOLI
NEL CORSO DEL COLLEGAMENTO CON LA STAZIONE SPAZIALE INTERNAZIONALE


"Siamo consapevoli di quel che rappresenta il suo contributo a questa missione, ingegnere, e molto orgogliosi di come l'Italia vi partecipi attraverso di lei e la propria industria e ricerca spaziale". Così il Presidente Napolitano ha salutato l'astronauta italiano Paolo Nespoli, nel corso di un collegamento con lo Shuttle "Esperia". Durante la conversazione, che si è protratta per circa venti minuti, Nespoli ha illustrato al Capo dello Stato le finalità specifiche della missione, gli esperimenti scientifici in corso, e il ruolo di coordinamento delle attività esterne che a bordo gli è stato affidato. È stato sottolineato, in particolare, come il grande "Nodo 2" della Stazione Spaziale Internazionale, alla cui installazione è principalmente dedicata questa missione, sia "un prodotto veramente italiano, veramente europeo - così ha detto Nespoli - che ci rappresenta onorevolmente". Il Presidente Napolitano ha voluto rimarcare l'importanza "per l'Italia come per i nostri partner" della collaborazione internazionale in missioni che, come questa, "in fondo disegna una rete ideale: l'Italia, l'Europa, gli Stati Uniti, l'intero mondo della ricerca e dell'esplorazione spaziale". Tornando successivamente sulla presenza italiana in questa missione, Napolitano ha affermato di credere che "tutti comprendano che anche quello che investiamo in questo campo non è un lusso ma è essenziale per il futuro del nostro Paese e per il futuro dei nostri giovani, che non a caso seguono con tanto interesse queste imprese". A proposito delle sperimentazioni scientifiche a bordo dello Shuttle, alcune delle quali suggerite da studenti italiani delle superiori, il Presidente e l'astronauta si sono soffermati sull'impegno a costruire una forte e diretta collaborazione con le scuole e con i giovani ("Quanto più avremo giovani che partecipano agli studi e alla formazione di carattere scientifico e tecnologico - ha in seguito rilevato il Capo dello Stato - tanto più avremo anche una nostra più distinta fisionomia e maggiore autonomia in questo campo"). Collaborazione tanto più importante in un campo rivolto al futuro com'è quello spaziale, anche per i sogni realizzabili, compreso quello di riuscire a navigare nello spazio, magari - come ha suggerito l'ingegner Nespoli - verso Marte. Il Presidente ha poi espresso il suo apprezzamento perché Nespoli ha portato con sé nello spazio una copia della Costituzione italiana: "Nostro e vostro breviario comune". L'astronauta ha risposto: "Siamo orgogliosi di averla a bordo". Nel corso del collegamento c'è stato anche uno scambio di saluti con la Comandante della missione, Pamela Melroy, che il Presidente ha invitato, con Nespoli e l'equipaggio, al Quirinale".


Palazzo del Quirinale, 31 ottobre 2007

elementi correlati

condividi

  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi tramite Email