Presidenza della Repubblica

menu di navigazione

percorso:  Presidenti /  Giorgio Napolitano /  comunicato primo mandato

COMUNICATO - PRIMO MANDATO

Messaggio del Presidente Napolitano in occasione del 233° anno di fondazione della Guardia di Finanza

Roma, 21 giugno 2007

 

C o m u n i c a t o

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha inviato al Comandante Generale della Guardia di Finanza, Gen. Cosimo D'Arrigo, il seguente messaggio:

Ricorre oggi il 233° anniversario della fondazione della Guardia di Finanza,

In questo giorno di celebrazione, in cui si rinnova la memoria dell'impegno e del sacrificio con i quali i finanzieri hanno scritto, nel corso del tempo, la lunga e gloriosa storia del corpo, rivolgo ai caduti il mio deferente pensiero.

La Guardia di Finanza, corpo di polizia a ordinamento militare con competenze specialistiche, costituisce per tutti gli italiani un prezioso patrimonio di professionalità ed un chiaro esempio di dedizione ai doveri istituzionali.

In questi anni, il corpo, oltre ad assolvere ai tradizionali compiti al servizio del singolo cittadino ed a sostegno degli obiettivi di sviluppo, di giustizia economica e di ordine pubblico del paese, è progressivamente divenuto qualificatissimo strumento per il controllo dei nuovi grandi fenomeni economici e sociali della globalizzazione. Questi vanno pervadendo in misura crescente gli Stati e l'intera comunità internazionale, ne accentuano l'interdipendenza, accrescono la complessità delle interazioni, esaltano le esigenze di cooperazione.

In tale quadro ed in armonia con i principi della Costituzione repubblicana, la Guardia di Finanza costituisce riferimento primario ed essenziale garanzia per il cittadino, le imprese e la stessa pubblica Amministrazione.

Nella sua storia bicentenaria il corpo ha sempre espresso una forte coralità di intenti ed ha saputo fronteggiare, con tenacia e fedeltà, innumerevoli emergenze: dal crimine organizzato al terrorismo, dalla lotta all'evasione fiscale alle frodi comunitarie, dalle calamità naturali alla ricostruzione degli apparati istituzionali, sia sul territorio nazionale sia all'estero, anche nell'ambito della missioni di sostegno alla pace.

 

Donne e uomini della Guardia di Finanza, di ogni specialità e grado, i brillanti risultati conseguiti nei molteplici settori in cui siete stati chiamati ad intervenire, spesso affrontando nuove forme di illegalità subdole ed insidiose, sono il frutto di un entusiasmo straordinario e di una dedizione al servizio assoluta.

Certo di interpretare la stima e la riconoscenza del popolo italiano, invio a tutti voi e alle vostre famiglie il mio apprezzamento ed il mio augurio affettuoso.

Viva la Guardia di Finanza!

Viva l'Italia.

elementi correlati

condividi

  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi tramite Email