Presidenza della Repubblica

menu di navigazione

percorso:  Presidenti /  Sandro Pertini /  discorsi /  messaggio

I PRESIDENTI EMERITI

Sandro Pertini
Presidente della Repubblica, 1978 - 1985.

Messaggio alle Forze Armate per il 2 giugno 1985 Festa Nazionale della Repubblica

 

 

MESSAGGIO DEL

PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SANDRO PERTINI

ALLE FORZE ARMATE PER LA

FESTA DELLA REPUBBLICA



Palazzo del Quirinale, 2 giugno 1985

 

UFFICIALI, SOTTUFFICIALI, SOLDATI, MARINAI E AVIERI

E' CON PROFONDA PARTECIPAZIONE CHE IL POPOLO ITALIANO FESTEGGIA OGGI, AL VOSTRO FIANCO, LA GIORNATA DELLA REPUBBLICA E DELLE FORZE ARMATE A QUARANT'ANNI ESATTI DI DISTANZA DALLA LIBERAZIONE E DALLA FINE DELLA GUERRA.

MOLTI LUSTRI SONO PASSATI E NUOVE GENERAZIONI SI SONO AFFACCIATE ALLA VITA DELLA NAZIONE. VOI STESSI - GIOVANI DI LEVA, COMANDANTI E QUADRI DELLE FORZE ARMATE - SIETE IN GRAN NUMERO NATI NELLA REPUBBLICA, SIETE CRESCIUTI E VI SIETE FORMATI - COME UOMINI, COME CITTADINI, COME SOLDATI - NELL' ORIZZONTE DI DEMOCRAZIA E DI PROGRESSO CHE LA COSTITUZIONE REPUBBLICANA CI HA SCHIUSO E CONTINUA SALDAMENTE A GARANTIRCI.

TUTTO CIO' NON E' STATO ELARGITO DALLA SORTE. UNA, LIBERA E DEMOCRATICA COME VOI LA VIVETE, LA REPUBBLICA FU CONQUISTA DI TUTTO IL NOSTRO POPOLO, VOLUTA E TENACEMENTE COSTRUITA DALLE GENERAZIONI CHE VI PRECEDETTERO AL PREZZO DI UN DURO IMPEGNO DI CUI NOI ANZIANI SIAMO I TESTIMONI.

DI QUI IL SIGNIFICATO DELLA RESISTENZA, CHE FU FATTO GENUINO DI POPOLO, MOMENTO ALTISSIMO DI UNITA' E DI CONSAPEVOLEZZA DI UNA NAZIONE INTERA CHE VOLLE RIAPPROPRIARSI DEL SUO DESTINO IN NOME DEGLI IDEALI PIU' PURI E PERENNI DELLA NOSTRA CIVILTA'.

E SULLO STESSO PIANO DI VALORI SI COLLOCA LA PARTECIPAZIONE DEI REPARTI REGOLARI DELLE FORZE ARMATE ALLA GUERRA DI LIBERAZIONE NELLA QUALE I NOSTRI SOLDATI SEPPERO TENERE ALTO L' ONORE DELLE ARMI ITALIANE. SENZA TALI PROVE LA REPUBBLICA NON SAREBBE COSI' VERA E COSI' NOSTRA.

ESSA E' SALDA E SICURA DEL SUO AVVENIRE ANCHE PERCHE', NATA DALLA RESISTENZA, SA ONORARE TUTTI COLORO CHE, IN PUREZZA DI SENTIMENTO E ATTRAVERSO IL SACRIFICIO PERSONALE, HANNO RESO SUPREMA TESTIMONIANZA DEL LORO AMORE ALLA NOSTRA PATRIA E PERCHE' ESSA SI RICONOSCE IN TUTTA LA STORIA DEL NOSTRO POPOLO, CON I SUOI DRAMMI, I SUOI ERRORI E LE SUE GLORIE.

SE DIETRO LA COSTITUZIONE - AFFERMA ANCORA IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA - NON CI FOSSE IL SACRIFICIO DI MIGLIAIA DI GIOVANI - MILITARI E CIVILI - CADUTI SUI FRONTI DI GUERRA, NELLA CLANDESTINITA' E NEI CAMPI DI CONCENTRAMENTO NAZISTI, SE CIASCUNO DEI SUOI PRECETTI NON TRAESSE ALIMENTO DALLA FEDE DI TUTTO UN POPOLO ESSA NON SAREBBE - COME E' STATA E RIMANE - LA LEGGE FONDAMENTALE DEGLI ITALIANI, IL PATTO SOLENNE CHE L' UN L' ALTRO LI LEGA PER VIRTU' DI UNA SCELTA SOVRANA E LIBERA.

UFFICIALI, SOTTUFFICIALI, SOLDATI, MARINAI ED AVIERI,

E' LA COSTITUZIONE CHE CI IMPONE IL DOVERE IRRINUNCIABILE DI VEGLIARE SULL' INDIPENDENZA E SULLA SICUREZZA DELLA PATRIA. COME PRIMARIO FU IL CONTRIBUTO DELLE FORZE ARMATE ALLA LOTTA DI LIBERAZIONE COSI' ESSENZIALE E8 OGGI LA LORO PRESENZA A GARANZIA DEL SERENO E PACIFICO PROGRESSO DEL PAESE. DALL' IMPORTANZA VITALE DI QUESTA MISSIONE DISCENDONO L' IMPEGNO, LA COMPATTEZZA, LA DISCIPLINA CHE A CIASCUNO DI VOI SONO OGNI GIORNO RICHIESTI QUALE ATTO DI VIRILE E DEMOCRATICA RESPONSABILITA'.

UFFICIALI, SOTTUFFICIALI, SOLDATI, MARINAI ED AVIERI,

PREZIOSA PER IL PAESE E' LA TRADIZIONE DI ABNEGAZIONE, DI UMANITA', DI INTRANSIGENTE LEALTA' CHE VOI IMPERSONATE. PER CIASCUNO DI VOI QUESTO GRANDE PATRIMONIO E' MOTIVO DI ONORE E DI FIEREZZA; PER L' ITALIA ESSO RESTA UNA CERTEZZA INALIENABILE, UN REALE FATTORE DI CONCORDIA E DI PACE.

VIVA LA REPUBBLICA!

VIVA L' ITALIA!

 

elementi correlati