Presidenza della Repubblica

menu di navigazione

percorso:  Presidenti /  Francesco Cossiga /  discorsi /  messaggio

I PRESIDENTI EMERITI

Francesco Cossiga
Presidente della Repubblica, 1985 - 1992.

Messaggio del Presidente della Repubblica Francesco Cossiga per l'inizio dell'anno scolastico

 

MESSAGGIO DEL

PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

FRANCESCO COSSIGA

PER L'INIZIO DEL NUOVO ANNO SCOLASTICO

 

Palazzo del Quirinale, 18 settembre 1986

 

 

 

ONOREVOLE MINISTRO,

 

NELLA PROSSIMA APERTURA DELL'ANNO SCOLASTICO, OPPORTUNAMENTE GRADUATA IN RAGIONE DELLE SPECIFICHE PECULIARITA' DELLE DIVERSE AREE GEOGRAFICHE, VIENE A MANCARE IL SIMULTANEO AVVIO CHE IN PASSATO SOLEVA ESSERE TRADIZIONALMENTE INDICATO CON IL PRIMO GIORNO DI SCUOLA SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE.

NON PER QUESTO L'INIZIO DI UN NUOVO CICLO DI STUDI CESSA DI ESSERE MOMENTO DI GRANDE SIGNIFICATO NELLA QUOTIDIANA VITA DEL PAESE E PER QUANTI PIU' DIRETTAMENTE PARTECIPANO ALL'EVENTO.

PENSO ANZITUTTO AI GIOVANI DAI PIU' PICCOLI CHE PER LA PRIMA VOLTA VENGONO A CONTATTO CON L'ISTITUZIONE SCOLASTICA AI RAGAZZI CHE SI APPRESTANO A CONCLUDERE GLI STUDI: PER TUTTI SI TRATTA DI AFFRONTARE CON SERIETA' ED ENTUSIASMO QUESTO NUOVO IMPEGNO DENSO DI FATICHE MA ANCHE - E' QUESTO IL MIO AUSPICIO - RICCO DI SODDISFAZIONI, NELLA CONSAPEVOLEZZA DEL RUOLO ATTIVO CHE AGLI SCOLARI ASSEGNANO LE PIU' AVANZATE TECNICHE DI INSEGNAMENTO.

IN QUESTA OCCASIONE SONO ANCHE VICINO ALLE FAMIGLIE, CHE MOLTO SI PRODIGANO PER L'EDUCAZIONE DEI PROPRI FIGLI E CHE GIUSTAMENTE ASPIRANO AD UNA SCUOLA EFFICIENTE ED IN GRADO DI ASSOLVERE PIENAMENTE ALLA PROPRIA FUNZIONE ISTITUZIONALE. AGLI INSEGNANTI E AL PERSONALE NON DOCENTE, AI QUAI RINNOVO L'ESPRESSIONE DELLA MIA STIMA E DEL MIO SINCERO APPREZZAMENTO, RIVOLGO OGGI UN PENSIERO PARTICOLARE.

SO PER DIRETTA ESPERIENZA QUANTO IL LORO IMPEGNO, LA LORO COMPETENZA, IL LORO ENTUSIASMO SIANO DETERMINANTI PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO E FORMATIVO DI CUI LA SCUOLA E' PARTE PRIORITARIA E CHE COINVOLGE L'ORGANIZZAZIONE STATUALE IN QUELLO CHE RAPPRESENTA IL PIU' AMBIZIOSO E AL TEMPO STESSO IRRINUNCIABILE OBIETTIVO DI OGNI COMUNITA': GARANTIRE IL PROPRIO AVVENIRE, IL PROPRIO EQUILIBRATO SVILUPPO, L'AVANZAMENTO COMPLESSIVO DELLA SOCIETA' VERSO NUOVI TRAGUARDI DI LIVELLO CIVILE E CULTURALE, DI PROSPERITA', DI GIUSTIZIA, DI PACE.

TUTTO CIO' SARA' REALIZZABILE SOLO SE SAPREMO OFFRIRE AI NOSTRI RAGAZZI VALIDI STRUMENTI DI FORMAZIONE, ASSECONDANDONE LE TENDENZE E GLI INTERESSI SPECIFICI E PROMUOVENDONE IN TAL MODO L'ARRICCHIMENTO SPIRITUALE E LA PREPARAZIONE CULTURALE.

PER QUESTO E' INDISPENSABILE PROSEGUIRE SENZA SOSTE NELLO SFORZO CHE IL PAESE SOSTIENE PER RENDERE SEMPRE PIU' ADEGUATA LA STRUTTURA SCOLASTICA, PER AMPLIARE GLI INSEGNAMENTI, PER DISPORRE DI UNA CLASSE DOCENTE DOTATA DI CRESCENTE PRESTIGIO ED AGGIORNATA PROFESSIONALITA'.

A LEI E AI SUOI COLLABORATORI, ONOREVOLE MINISTRO, SPETTA IN PRIMO LUOGO QUESTO ONEROSO COMPITO.

MA SAREBBE ILLUSORIO CHE UN SIMILE, IMPONENTE OBIETTIVO POSSA ESSERE PERSEGUITO CON PROFITTO SENZA IL CONCORSO ATTIVO NON SOLO DI TUTTE LE COMPONENTI DEL VARIEGATO MONDO DELLA SCUOLA, MA ANCHE DEL PARLAMENTO, DEL GOVERNO NEL SUO COMPLESSO, DELLE FORZE POLITICHE E SOCIALI.

SOLO SE AVREMO PIENA COSCIENZA DELLA CORALITA' DEGLI APPORTI NECESSARI AL BUON FUNZIONAMENTO DELLA SCUOLA POTREMO ADEGUATAMENTE CORRISPONDERE ALL' IMPEGNO CHE HA PER FINE LA REALIZZAZIONE DI STRUTTURE OPERATIVE MODERNE, EFFICIENTI, IN GRADO DI ESALTARE LE MIGLIORI ENERGIE DELLA SOCIETA' CIVILE.

CON TALE FIDUCIA L'AUGURIO CHE VORREI RIVOLGERE ALLA SCUOLA ITALIANA, SUO CORTESE TRAMITE, E' DI AFFRONTARE CON LUNGIMIRANZA, TENACIA, SERENITA' QUESTO NUOVO ANNO.

BUON LAVORO A TUTTI!

 

elementi correlati