Presidenza della Repubblica

menu di navigazione

percorso:  Presidenti /  Francesco Cossiga /  discorsi /  messaggio

I PRESIDENTI EMERITI

Francesco Cossiga
Presidente della Repubblica, 1985 - 1992.

Messaggio alle Forze Armate per il 2 giugno 1988 Festa Nazionale della Repubblica

 

 

MESSAGGIO DEL

PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

FRANCESCO COSSIGA

ALLE FORZE ARMATE PER LA

FESTA DELLA REPUBBLICA


Palazzo del Quirinale, 2 giugno 1988



UN GRATO PENSIERO AGLI EQUIPAGGI DELLA MARINA MILITARE IMPEGNATI NEL GOLFO PERSICO IN UNA ARDUA E DELICATA MISSIONE RIVOLTA A TUTELARE LA SICUREZZA E LA LIBERTA' DI NAVIGAZIONE''

QUARANTADUE ANNI OR SONO LA PROCLAMAZIONE DELLA REPUBBLICA SUGGELLO' LA VOLONTA' SOVRANA DEL POPOLO ITALIANO CHE ALLA DEVASTAZIONE E ALLE LACERAZIONI DELLA GUERRA RISPONDEVA CON LA FERMA DETERMINAZIONE DI RICOSTRUIRE CITTA' E FABBRICHE DISTRUTTE E DI RIFONDARE LE ISTITUZIONI.

NEL CELEBRARE QUESTA RICORRENZA IL NOSTRO COMMOSSO RICORDO TORNA A QUEI GIORNI, AL COMUNE ANELITO DI RINASCITA NELLA PACE, AL SEVERO IMPEGNO CON CUI L' ASSEMBLEA COSTITUENTE, FEDELE AI VALORI DI DEMOCRAZIA E DI LIBERTA' CHE AVEVANO ISPIRATO LA GUERRA DI LIBERAZIONE E LA RESISTENZA, SI ACCINGEVA A TRACCIARE IL NUOVO DISEGNO DELLE ISTITUZIONI REPUBBLICANE.

SE OGGI POSSIAMO ESPRIMERE ORGOGLIOSO COMPIACIMENTO PER I TRAGUARDI DI PROGRESSO CIVILE E MATERIALE CONSEGUITI DAL NOSTRO PAESE, SAPPIANO LE GIOVANI GENERAZIONI CHE NON SI E' TRATTATO DI GRATUITE ELARGIZIONI DELLA STORIA, MA DI CONQUISTE OTTENUTE, DOPO LUTTI E SACRIFICI, GRAZIE AL RESPONSABILE E TENACE IMPEGNO DI TUTTA LA NAZIONE CHE DAGLI ISTITUTI DEMOCRATICI REPUBBLICANI HA TRATTO IL VIGORE NECESSARIO PER SANARE LE FERITE DELLA GUERRA E GLI STRUMENTI CAPACI DI LIBERARE LE ENERGIE E LE CAPACITA' DEL POPOLO ITALIANO.

L' OBIETTIVO DI CREARE EFFICIENTI E SALDE ISTITUZIONI DEMOCRATICHE VIDE LA CONVINTA, FATTIVA ADESIONE DELLE FORZE ARMATE CHE, FEDELI ALLA TRADIZIONE MILITARE ITALIANA ALIMENTATA DALLA VOLONTARIA DEDIZIONE ALLA PATRIA E DAGLI IDEALI DI PROGRESSO UMANO E CIVILE, SOSTENNERO CON LEALE ABNEGAZIONE LO SFORZO DI RICOSTRUZIONE CHE IL PAESE ANDAVA COMPIENDO.

SI AFFERMO' INFATTI E MATURO' NEL POPOLO, NELLE ISTITUZIONI, NELLE FORZE ARMATE, LA COMUNE CONSAPEVOLEZZA DELLA NECESSITA' DI TUTELARE E PROMUOVERE QUEI VALORI DI SOLIDARIETA' POLITICA, ECONOMICA E SOCIALE POSTI A FONDAMENTO DELLA NOSTRA REPUBBLICA.

E' PER QUESTO COMUNE SENTIRE CHE NELLE FORZE ARMATE IL POPOLO ITALIANO SI RICONOSCE, SCORGENDO IN ESSE IL PRESIDIO DI QUELLA LIBERTA' CHE, INSIEME ALL' INDIPENDENZA, COSTITUISCE LA PIU' VALIDA E FECONDA CONQUISTA DELLA VICENDA RISORGIMENTALE E DELLA LOTTA DI LIBERAZIONE.

OGGI LE FORZE ARMATE RIVOLTE A UN COSTANTE PROGRESSO TECNICO E ADDESTRATIVO, CONSENTONO ALLA COLLETTIVITA' NAZIONALE DI PROSEGUIRE, NELLA SICUREZZA E NELL'AMBITO DELLE ALLEANZE LIBERAMENTE SOTTOSCRITTE, UN PACIFICO CAMMINO DI SVILUPPO, RESO PIU' AGEVOLE E FECONDO DALL' IMPEGNO DI FAR PREVALERE NELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI IL RECIPROCO RISPETTO DELLE ATTESE E DELLE RAGIONI DI TUTTI I POPOLI.

GLI ESEMPI DI DEDIZIONE E DI EROISMO CONDOTTI FINO AL SACRIFICIO SUPREMO, LE SOFFERENZE PATITE NEI CAMPI DI PRIGIONIA, IL DOLORE DI TANTE FAMIGLIE, INSEGNANO ALLE GENERAZIONI PIU' GIOVANI CHE NESSUNA STORIA E' SCRITTA SENZA SACRIFICI E PERSONALI RINUNCE, SENZA UNA ADESIONE CONSAPEVOLE AI VALORI DI UN IMPEGNO ESERCITATO IN FAVORE DI TUTTA LA COLLETTIVITA'.

QUOTIDIANA TESTIMONIANZA DI QUEI VALORI ESPRIMONO QUANTI, SIA VOLONTARIAMENTE CHE PER ADEMPIERE ALLE LEGGI DELLO STATO, SI SONO ASSOGGETTATI ALLA SEVERA REGOLA DELLA DISCIPLINA MILITARE, IN UN RAPPORTO DI SERVIZIO CHE E' SENZA RISERVE POICHE' ESERCITATO CON LA SERENA COSCIENZA DI COMPIERE UN DOVERE SACRO PER IL CITTADINO.

VIGILI CUSTODI DELLE NOSTRE FRONTIERE O IMPEGNATI IN OPERAZIONI DI PACE LONTANI DALLA PATRIA, ESSI SONO STATI SEMPRE I PRIMI AD ACCORRERE OVUNQUE ERA IN PERICOLO L' INCOLUMITA' DEI SINGOLI O DI INTERE POPOLAZIONI.

UN PARTICOLARE, GRATO PENSIERO VOGLIAMO RIVOLGERE IN QUESTO MOMENTO AGLI EQUIPAGGI DELLE UNITA' DELLA MARINA MILITARE IMPEGNATI, OLTREMARE, IN UNA ARDUA E DELICATA MISSIONE RIVOLTA A TUTELARE LA SICUREZZA E LA LIBERTA' DI NAVIGAZIONE.

SOLDATI D'ITALIA. GUARDIAMO CON ORGOGLIOSA FIEREZZA AL NOSTRO PASSATO E AFFRONTIAMO CON FIDUCIOSA DETERMINAZIONE IL FUTURO. CI E' DI SPRONE L' ESEMPIO DI COLORO CHE, FEDELI AL GIURAMENTO PRESTATO, HANNO DONATO LA VITA ALLA PATRIA, IN PACE E IN GUERRA, PER L'ADEMPIMENTO DEL DOVERE.

AD ESSI SI RIVOLGE IL PENSIERO REVERENTE E MEMORE DELLA NAZIONE, SOLIDALE CON LE FAMIGLIE DIRETTAMENTE PROVATE DAL PIU' SEVERO DEI SACRIFICI.

A VOI CHE SIETE INTERPRETI DI QUEL PATRIOTTISMO CONCRETO, FATTO DI OPEROSO SERVIZIO RESO ALLA COLLETTIVITA' NAZIONALE, DI GENEROSA TUTELA DEL BENE DELLA PATRIA, VA IL GRATO SALUTO DEL POPOLO ITALIANO.

VIVA LE FORZE ARMATE!

VIVA LA REPUBBLICA!

VIVA L' ITALIA!.

 

 

 

elementi correlati