Presidenza della Repubblica

menu di navigazione

percorso: Presidenti /  Ciampi /  discorsi  /  discorso

DISCORSO DEL PRESIDENTE CARLO AZEGLIO CIAMPI

30-06-1999
LOCALITA' LA BADESSA - VISITA AL CENTRO DI ACCOGLIENZA PROFUGHI

 

VISITA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CARLO AZEGLIO CIAMPI
NELLA REGIONE PUGLIA

INCONTRO CON GLI OSPITI
DEL CENTRO DI ACCOGLIENZA PROFUGHI

Località La Badessa, 30 giugno 1999


Due parole, di ammirazione e di ringraziamento.

Di ammirazione, per quello che ho visto stamane qui e poco fa all'altro Centro di Santa Foca. Ammirazione, perché bisogna venire sul posto per rendersi conto di quello che state facendo, di come lo state facendo. Lo spirito con il quale voi, operatori di pace, vi siete posti al servizio della pace, al servizio di coloro che hanno bisogno.

Con questi sentimenti, rivolgo il saluto a tutti coloro che qua sono ospitati, a tutti coloro che in futuro vi transiteranno.

E' un Centro che si chiama "Orizzonte", orizzonte di pace. E vorrei, anzi, in questa occasione, ripetere quanto già ieri ho avuto modo di dire: che da un centro di pace come questo non può essere che rinnovato l'impegno di tutti gli italiani a che - e per questo mi rivolgo soprattutto a coloro che sono qua e provengono dal Kurdistan - non venga eseguita la sentenza (applausi) di morte contro Ocalan. Da un centro di pace, che è un centro di vita, non può venire che questo forte auspicio contro l'esecuzione di una pena di morte.

A voi, ragazzi, che probabilmente non mi comprendete data la diversità di lingua, rivolgo l'augurio che in Italia, in Europa troviate quella speranza, quella opportunità di vita che vedevate così difficile nelle vostre terre. E un augurio che presto voi stessi possiate tornare nelle vostre terre per essere artefici in loco di un migliore avvenire per la vostra gente.

Grazie a tutti di nuovo! (applausi)