Presidenza della Repubblica

menu di navigazione

percorso: Presidenti /  Ciampi /  discorsi  /  discorso

DISCORSO DEL PRESIDENTE CARLO AZEGLIO CIAMPI

14-10-2003
Dichiarazione alla stampa del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi al termine del colloquio con il Presidente della Repubblica Orientale dell'Uruguay, Jorge Batlle



VISITA DI STATO DEL
PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
ORIENTALE DELL'URUGUAY
JORGE BATLLE

DICHIARAZIONI DEL
PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
CARLO AZEGLIO CIAMPI ALLA STAMPA

Palazzo del Quirinale, 14 ottobre 2003



Il colloquio con il Presidente Batlle è stato concreto e intenso nello spirito delle conversazioni avute in occasione della mia visita di Stato in Uruguay nel marzo 2001. La solidarietà per l'Uruguay s'identifica con l'amicizia per i Paesi del Mercosur, per l'intera America Latina.

Le radici dell'America Latina sono in Europa; il suo futuro dev'essere anche con l'Europa.

Mi rallegro innanzitutto per i progressi compiuti dall'Uruguay nel contrastare una grave crisi economica e stabilizzare l'economia.

La relazione fra Uruguay ed Italia è speciale come può esserlo un rapporto fra membri della stessa famiglia. L'accordo su un credito d'aiuto destinato alle piccole e medie imprese in procinto d'essere firmato consoliderà collaborazioni innovative. Un accordo, dedicato al settore sanitario, è in fase di avanzata negoziazione.

Dobbiamo anche guardare oltre, lontano. Abbiamo bisogno di più America Latina in Europa, di più Europa in America Latina: le istituzioni democratiche, l'interscambio commerciale, gli investimenti, i legami culturali sono il binario su cui far correre il nostro dialogo. Ne trarrà giovamento l'efficacia del sistema multilaterale che deve rimanere ancorato al rispetto dei principi, delle leggi, delle regole. Questo è l'interesse autentico della comunità internazionale. Questo è lo spirito con cui va concluso, spero fra breve, l'Accordo di associazione fra l'Unione Europea e il Mercosur.

L'America Latina è un interlocutore prezioso per l'Unione Europea. Appoggia il processo unitario dell'Europa come noi ne sosteniamo gli sforzi per l'integrazione regionale, per lo sviluppo, la lotta alla miseria. Dobbiamo valorizzare meglio le reciproche complementarità.

Con questi sentimenti e con questa fiducia rinnovo il mio saluto al Presidente Batlle.