Presidenza della Repubblica

menu di navigazione

percorso: Presidenti /  Ciampi /  discorsi  /  discorso

DISCORSO DEL PRESIDENTE CARLO AZEGLIO CIAMPI

19-09-2003
Dichiarazione stampa del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi dopo l'incontro con il Presidente della Repubblica di Polonia, Aleksander Kwasniewski.

DICHIARAZIONE STAMPA DEL
PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
CARLO AZEGLIO CIAMPI
DOPO I COLLOQUI CON IL
PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI POLONIA,
ALEKSANDER KWASNIEWSKI
(Palazzo del Quirinale, 19 settembre 2003)

Sono stato lieto di incontrare ancora una volta il Presidente della Repubblica di Polonia. Come sapete, i nostri incontri sono già stati numerosi e in uno spirito, veramente, di grande amicizia e di grande lealtà e cordialità, come suol dirsi sempre, a cuore aperto.
L'Europa è stata al centro del nostro colloquio.
L'Italia e, sono certo, tutti i Paesi dell'Unione Europea accolgono la Polonia nell'Unione a braccia aperte. Il ricordo delle sofferenze e dei drammi vissuti dal popolo polacco è indelebile.
Ho rinnovato al Presidente Kwasniewski lo spirito del messaggio che gli ho indirizzato per iscritto pochi giorni orsono: l'integrazione europea è giunta ad una svolta, accelerata anche dagli impetuosi cambiamenti intervenuti nella realtà internazionale.
I nostri cittadini attendono già da tempo che la voce dell'Europa si faccia sentire nel mondo attraverso un'azione forte e coesa.
Il testo elaborato dalla Convenzione, e alla cui messa a punto hanno collaborato Governi e Parlamenti, mira ad un Trattato ben diverso dai Trattati precedenti: il nuovo Trattato dovrà dare all'Unione Europea una Costituzione e garantirne la governabilità.
È un'occasione irripetibile e va colta senza indugi, senza rinvii.
La Conferenza Intergovernativa che si terrà a Roma all'inizio di ottobre dovrà esaminare quel testo con la responsabilità che deriva, a ciascun Paese, dall'aver scelto consapevolmente di appartenere ad un'Unione di popoli e di Stati; con la coscienza profonda di consolidare l'integrazione europea nello spirito di chi la intraprese cinquant'anni orsono.
Un'Unione che è passata gradualmente da 6 a 25 Stati membri ha bisogno al più presto di una governabilità piena: il Trattato costituzionale intende assicurarla. Grazie.