Presidenza della Repubblica

menu di navigazione

percorso: Presidenti /  Ciampi /  comunicati  /  comunicato

COMUNICATO DEL PRESIDENTE CARLO AZEGLIO CIAMPI

11-10-2005
Messaggio del Presidente Ciampi in occasione del Convegno della "Fondazione Amintore Fanfani"

C o m u n i c a t o

    Il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi ha inviato al Prof. Cesare Mirabelli, Presidente della "Fondazione Amintore Fanfani", il seguente messaggio:

    Sono lieto di rivolgere un caloroso saluto ai partecipanti al convegno organizzato per ricordare Amintore Fanfani in occasione del 40° anniversario della sua Presidenza dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite.
    Unico italiano a ricoprire quella carica, vi si dedicò con la passione, l'autorevolezza e la lungimiranza che contraddistinsero sempre il suo impegno politico.
    In un momento in cui il mondo era dominato dalla contrapposizione Est-Ovest e la sicurezza collettiva dipendeva dal fragile equilibrio del terrore, spronò l'Assemblea Generale a rafforzare l'insostituibile ruolo di supremo conciliatore delle Nazioni Unite.
    Si adoperò per evitare l'inasprimento del conflitto in Vietnam. Non fu ascoltato. Unì la sua voce a quella del Sommo Pontefice, Paolo VI, che a quella stessa Assemblea Generale lanciò un appello accorato - anch'esso inascoltato - per porre fine alle guerre.
    Si era allora nel vivo del processo di decolonizzazione, che avrebbe modificato radicalmente il quadro delle relazioni internazionali; la Cina si affacciava alle Nazioni Unite.
    Fanfani fu tra i primi a sostenere l'esigenza di tendere la mano alle giovani Nazioni che in quegli anni compivano i primi passi, anticipando le tematiche dello sviluppo che ora dominano l'agenda internazionale. Fu antesignano assertore del valore irrinunciabile della solidarietà, instancabile promotore del dialogo tra le civiltà.
    Rileggendo oggi i suoi interventi in Assemblea Generale, si resta colpiti dalla lucidità del ragionamento, dall'attualità degli argomenti, dalla tensione morale che li animava: "Conoscerò unicamente gli imperativi del diritto e della democrazia", ebbe a dire nel suo discorso inaugurale.
    Nell'attuale fase storica, di grande turbolenza e di perduranti incertezze, questi intendimenti mantengono intatta tutta la loro validità.
    Nell'affettuoso ricordo di Amintore Fanfani, giunga a tutti i partecipanti un augurio di buon lavoro.

    Roma, 11 ottobre 2005