Presidenza della Repubblica

menu di navigazione

percorso: Presidenti /  Ciampi /  comunicati  /  comunicato

COMUNICATO DEL PRESIDENTE CARLO AZEGLIO CIAMPI

01-01-2005
Il Presidente Ciampi ha conferito Medaglie al Valore e al Merito Civile

C o m u n i c a t o

    In occasione della solennità civile del 1° gennaio, anniversario della entrata in vigore della Costituzione, il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, su proposta del Ministro dell'Interno, On. Dott. Giuseppe Pisanu, ha conferito le seguenti medaglie al Valore e al Merito Civile:

    Medaglia d'oro al Valor Civile

    Sig.ra Giovanna Bonanno - alla memoria - In occasione di un grave incidente autostradale, mentre si accingeva a raggiungere il luogo del sinistro per prestare soccorso alle persone coinvolte, veniva investita da un'autovettura, sacrificando la giovane vita ai più nobili ideali di umana solidarietà e di altissimo senso civico.
    13 novembre 2001 - Casarmarciano (NA)

    Sig. Antonio Taranto - alla memoria - In occasione di un grave incidente autostradale, mentre si accingeva a raggiungere il luogo del sinistro per prestare soccorso alle persone coinvolte, veniva investito da un'autovettura, sacrificando la giovane vita ai più nobili ideali di umana solidarietà e di altissimo senso civico.
    13 novembre 2001 - Casarmarciano (NA)

    Sig. Francesco Salaniti - alla memoria - Con tenace e coraggiosa determinazione non esitava a tuffarsi nelle vorticose acque di un fiume in soccorso di una ragazza cadutavi accidentalmente, ma veniva travolto dalla corrente, immolando la giovane vita ai più nobili ideali di umana solidarietà. Fulgida testimonianza di generoso altruismo e di preclare virtù civiche.
    1° maggio 2004 - Adrano (CT)

    Dott.ssa Roberta Zedda - alla memoria - Per la continua e appassionata dedizione al proprio dovere e alla cura di malati e sofferenti, testimoniata dall'assiduo e silenzioso impegno profuso nell'assolvimenti dei suoi compiti. Barbaramente trucidata mentre svolgeva il proprio servizio di guardia medica, offriva, con il sacrificio della propria vita, la nobile testimonianza di abnegazione, solidarietà umana e altissima professionalità.
    2/3 luglio 2003 - Solarussa (OR)

    Dott. Giovanni Ugliengo - alla memoria - Medico volontario del Soccorso Alpino, sempre distintosi per spirito di abnegazione e di servizio verso il prossimo, partecipava alle operazioni di ricerca di un escursionista francese disperso sul versante italiano del monte Gelas. Nel tentativo di superare un difficile passaggio roccioso precipitava in un canalone, sacrificando la vita ai più nobili ideali di altruismo e umana solidarietà. Luminosa testimonianza di coraggio e di elette virtù civiche.
    16 settembre 2003 - Entracque (CN)

    Medaglia d'Argento al Valor Civile

    Paolo Zappalà - Assistente municipale - Con generoso slancio e cosciente sprezzo del pericolo non esitava a tuffarsi nelle fredde acque del mare in soccorso di due persone in procinto di annegare, riuscendo a trarle in salvo con l'aiuto di altri animosi. Chiaro esempio di elevato senso altruistico e umana solidarietà.
    7 febbraio 2002 - Riposto (CT)

    Sig. Maurizio La Spina - Con generoso slancio e cosciente sprezzo del pericolo non esitava, unitamente ad altri animosi, a tuffarsi nelle fredde acque del mare in soccorso di una donna che a bordo della propria vettura vi si era gettata a scopo suicida insieme ai due figli, riuscendo a trarre in salvo i bambini. Reiterava quindi l'intervento in aiuto della donna ma veniva colto da malore per un principio di assideramento. Chiaro esempio di elevato senso altruistico e umana solidarietà.
    7 febbraio 2002 - Riposto (CT)

    Medaglia di Bronzo al Valor Civile

    Sig. Carmelo Carta - Con generoso slancio e cosciente sprezzo del pericolo non esitava, unitamente ad altri animosi, a tuffarsi nelle fredde acque del mare in soccorso di una donna che a bordo della propria vettura vi si era gettata a scopo suicida insieme ai due figli, riuscendo a trarre in salvo i bambini.Chiaro esempio di elevato senso altruistico e umana solidarietà.
    7 febbraio 2002 - Riposto (CT)

    Sig. Graziano Giordano - Con generoso slancio e cosciente sprezzo del pericolo non esitava, unitamente ad altri animosi, a tuffarsi nelle fredde acque del mare in soccorso di una donna che a bordo della propria vettura vi si era gettata a scopo suicida insieme ai due figli, riuscendo a trarre in salvo i bambini. Reiterava quindi l'intervento in aiuto della donna ma veniva colto da malore per un principio di assideramento. Chiaro esempio di elevato senso altruistico e umana solidarietà.
    7 febbraio 2002 - Riposto (CT)

    Paolo Greca - Sergente nocchiere di porto- Con generoso slancio e cosciente sprezzo del pericolo non esitava a tuffarsi nelle acque del mare riuscendo, insieme ad altro animoso, a trarre in salvo una persona gettatasi a scopo suicida. Chiaro esempio di elette virtù e non comune senso del dovere.
    17 novembre 2000 - Trieste

    Sig. Massimiliano Meyer - Con generoso slancio e cosciente sprezzo del pericolo non esitava a tuffarsi nelle acque del mare riuscendo, insieme ad altro animoso, a trarre in salvo una persona gettatasi a scopo suicida. Chiaro esempio di elette virtù e non comune senso del dovere.
    17 novembre 2000 - Trieste

    Sig. Franco Pozzati - Con generoso impulso ed incurante del rischio del rischio si tuffava nelle gelide acque di un canale per soccorrere un uomo che vi era precipitato a bordo della propria autovettura, riuscendo a trarlo fuori dall'abitacolo ed a salvarlo. Chiaro esempio di non comune ardimento e nobile spirito altruistico.
    14 dicembre 2003 - Portomaggiore (FE)

    Medaglia d'Oro al Merito Civile

    Dott. Alberto Della Dora - alla memoria - Con encomiabile altruismo si prodigava per portare soccorso ad un amico che, nel corso di un'escursione in canoa su di un fiume, si era venuto a trovare in difficoltà. Nel generoso tentativo, veniva travolto dalla corrente, sacrificando la vita ai più nobili ideali di umana solidarietà e di spirito di abnegazione.
    22 settembre 1986 - Landquarz (Svizzera)

    On. Mario Pedini - Sottosegretario di Stato agli Affari Esteri, con generosa dedizione e prudente intelligenza, riusciva a portare a felice compimento le trattative per la liberazione dei tecnici italiani fatti prigionieri in Biafra da guerriglieri secessionisti. Mirabile esempio di elevatissime virtù civiche e autentico spirito di solidarietà umana.
    Maggio- Giugno 1969 - Biafra

    Medaglia d'Argento al Merito Civile

    Sig. Rocco Cagnole - In occasione di un gravissimo incidente ferroviario tra due convogli, trovandosi su uno di essi, prontamente interveniva, riuscendo a dare l'allarme. Si adoperava altresì per organizzare i soccorsi, riuscendo a portare in salvo numerose persone. Nobile esempio di elette virtù ed umana solidarietà.
    27 gennaio 2003- Linea Ferroviaria Cuneo Ventimiglia (IM)

    Medaglia di Bronzo al Merito Civile

Sig.ra Francesca Martini - Con pronta determinazione e generoso slancio altruistico interveniva con tempestività in un appartamento. invaso dalle fiamme e dal fumo, per trarre in salvo una anziana donna ormai esamine. Chiaro esempio di elette virtù civiche e non comune abnegazione.
    16 febbraio 2004 - Castelfranco di Sotto (PI)

    Roma, 1° gennaio 2005