Presidenza della Repubblica

menu di navigazione

percorso: Presidenti /  Ciampi /  comunicati  /  comunicato

COMUNICATO DEL PRESIDENTE CARLO AZEGLIO CIAMPI

04-05-2004
Testo dell'Intervento del Presidente Ciampi in occasione dell'incontro, al Palazzo del Quirinale, con una delegazione della World Jurist Association

 

Roma, 4 maggio 2004

 

C o m u n i c a t o

 

L'Ufficio Stampa della Presidenza della Repubblica rende noto il Testo dell'intervento del Presidente Ciampi in occasione dell'incontro, al Palazzo del Quirinale, con una delegazione della World Jurist Association:

Signor Presidente della World Jurist Association,
Signor Presidente onorario della World Jurist Association,
sono lieto di ricevervi al Quirinale, in occasione dell'incontro tra giuristi internazionali che, su iniziativa della vostra associazione, si sta svolgendo a Roma in questi giorni.
Colgo con piacere questa opportunità per confermarvi l'apprezzamento per il vostro impegno volto a promuovere il rispetto dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali.
L'Italia crede fermamente nella necessità di rafforzare la cultura del diritto: premessa allo sviluppo umano ed economico, alla pace.
Come all'interno delle società civili, così anche nei rapporti internazionali, la certezza del diritto è garanzia di pacifica convivenza e di comune progresso.
Il diritto non è affatto lo scudo dietro cui si nasconde l'inazione; è piuttosto la bandiera che segnala la legittimità dell'azione e ne rafforza l'efficacia.
La cooperazione internazionale è la nostra difesa; quando si indebolisce, ne paghiamo tutti le conseguenze.
Il sistema multilaterale imperniato sulle Nazioni Unite è stato creato per impedire il ripetersi delle catastrofi prodotte dalle violazioni della legalità internazionale.
Grazie a quelle istituzioni abbiamo intrapreso passi determinanti per colmare il divario fra diritto internazionale e politica reale.
Le istituzioni costituite come sedi di dialogo fra gli Stati esprimono la loro volontà di collaborare.
Non possono però sostituirsi ad essi.
Il rafforzamento del multilateralismo, attraverso un rinnovato impegno degli Stati ad utilizzare pienamente gli strumenti a disposizione, rimane dunque una strada obbligata.
La pace di cui godiamo da oltre cinquant'anni in Europa è il frutto di una presa di coscienza che ha mutato radicalmente i rapporti fra i nostri Paesi: non più fondati su labili alleanze, bensì sulla libera decisione di essere compartecipi, in nome dei comuni valori e di una sovranità condivisa, di un futuro di stabilità e di prosperità.
Il lungo periodo di pace e di benessere che ne è seguito non deve indurci a dimenticare la pericolosità dei nazionalismi sempre in agguato.
Nel rafforzamento del progetto politico europeo è il nostro futuro.
Il Trattato costituzionale di cui attendiamo l'approvazione imminente rafforzerà l'Unione Europea come spazio di democrazia e di diritto; affermerà, attraverso la Carta dei Diritti Fondamentali, la cittadinanza europea; farà dell'Europa un soggetto politico con pienezza di rappresentanza e di poteri.
Abbiamo bisogno della Costituzione per consentire all'Europa di continuare nel suo cammino unitario e solidale; per rafforzare le regole che, insieme ai valori condivisi, sono necessarie per creare un'effettiva comunanza fra 450 milioni di persone.
Signori giuristi,
la Comunità delle Democrazie ha bisogno del vostro lavoro e del vostro impegno.
Al suo rafforzamento sono affidati i presidi di un ordine internazionale capace di resistere all' arbitrio, alla sopraffazione, alla violenza, di costruire sui valori di democrazia, di libertà, di rispetto della persona umana una solida convivenza pacifica ed una collaborazione costruttiva fra le nazioni.
Con questi sentimenti porgo a tutti voi un cordiale saluto, insieme ad un vivo augurio di buon lavoro.