Presidenza della Repubblica

menu di navigazione

percorso: Presidenti /  Ciampi /  comunicati  /  comunicato

COMUNICATO DEL PRESIDENTE CARLO AZEGLIO CIAMPI

04-11-2002
Messaggio del Presidente Ciampi alle Forze Armate per la Giornata dell'Unità Nazionale e Festa delle Forze Armate

Roma, 4 novembre 2002

C o m u n i c a t o

Il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, in occasione del 4 novembre, Giornata dell'Unità Nazionale e Festa delle Forze Armate, ha inviato alle Forze Armate il seguente messaggio:

"Si celebra il 4 novembre l'Unità Nazionale.

"La Grande Guerra, ultima guerra del Risorgimento, combattuta fianco a fianco da giovani provenienti da ogni regione della nostra Patria, consacrava e completava l'unità d'Italia.

 "È un avvenimento ancora vivo nella coscienza della nazione italiana, che anche a quei giovani e al loro sacrificio deve la sua compiuta unità.

 "Gli ideali risorgimentali hanno più tardi trovato piena realizzazione nella Costituzione repubblicana del 1948. I padri costituenti suggellarono i diritti fondamentali del cittadino quale fondamento etico e giuridico della Repubblica e indicarono nel tricolore il simbolo dell'unità d'Italia.

"È un vessillo di libertà la nostra bandiera, della libertà conquistata da un popolo che si riconosce unito, che trova la sua identità nei valori della propria storia e della propria civiltà. "Il 4 novembre è anche la festa delle Forze Armate, che hanno per loro primo compito quello di presidiare la libertà e la sicurezza del popolo italiano.

 "Il significato profondo del Complesso Monumentale del Vittoriano, innalzato per celebrare l'intera stagione risorgimentale, è racchiuso nelle iscrizioni 'all'unità della Patria' e 'alla libertà dei cittadini, poste sui propilei.

./.

"Il 4 novembre 1921, al centro del monumento, venne posto il sacello del Milite Ignoto per onorare solennemente coloro che hanno dato la vita per la Patria.

 "Lì sono le ceneri di un soldato senza nome. In lui sono idealmente presenti i caduti di tutte le guerre.

"Il ricordo del sacrificio dei soldati di ieri costituisce il patrimonio profondo delle Forze Armate di oggi. È un bene prezioso che avvertiamo ancora più in questi anni, in cui stiamo costruendo, insieme ad altre nazioni, una patria europea.

"È la fedeltà a questi valori, unitamente alla elevata preparazione professionale, da tutti riconosciuta, che hanno permesso l'affermazione dei soldati italiani in tutti i teatri ove sono impiegati per la causa della pace fra i popoli.

 "L'Italia è orgogliosa delle sue Forze Armate e sa di poter contare su di loro per la difesa delle istituzioni democratiche.

 "Viva le Forze Armate.

"Viva l'Italia."