Presidenza della Repubblica

menu di navigazione

percorso: Presidenti /  Ciampi /  comunicati  /  comunicato

COMUNICATO DEL PRESIDENTE CARLO AZEGLIO CIAMPI

04-06-2001
Il Presidente Ciampi ha conferito Medaglie d'oro, d'argento e di bronzo al Valore e al Merito Civile

C o m u n i c a t o

Il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, su proposta del Ministro dell'Interno, On. Enzo Bianco, ha conferito le seguenti medaglie al Valore e al Merito Civile:

Medaglia d'oro al Valor civile

Massimo Urbano, Carabiniere Scelto - alla memoria - Con ferma determinazione, esemplare iniziativa e consapevole sprezzo del pericolo in servizio di pattuglia su autoradio, si poneva all'inseguimento di due autovetture rubate, sottrattesi al controllo e in velocissima fuga, una delle quali collideva frontalmente con autoarticolato, coinvolgendo nel sinistro l'autovettura militare e altra autoradio intanto chiamata a supporto. Nel terribile impatto riportava gravissime lesioni a seguito delle quali decedeva. Chiaro esempio di altissimo senso del dovere ed elette virtù civiche.
Urago d'Oglio (BS) - 7 marzo 2000

Mario Pierangeli, Vice Brigadiere dei Carabinieri - alla memoria - Intervenuto nottetempo, su strada statale teatro di incidente stradale, valutato il pericolo per la circolazione dovuto alla scarsa visibilità ed alle avverse condizioni meteorologiche, con esemplare altruismo, si prodigava per soccorrere il conducente dell'autovettura rimasta coinvolta e per rilevare il sinistro, venendo a sua volta travolto e ucciso da un veicolo che sopraggiungeva. Chiaro esempio di elette virtù civiche e non comune senso del dovere spinto fino all'estremo sacrificio.
Montelibretti (RM) - 6 gennaio 2000

Mariano Machì, Vice Brigadiere dei Carabinieri - Con coraggiosa determinazione e consapevole sprezzo del pericolo, affrontava due malviventi in flagrante rapina a mano armata ad agenzia di credito ed ingaggiava una violenta colluttazione riuscendo a liberare l'impiegato preso in ostaggio, gravemente ferito da proditoria azione di fuoco di altri due complici, replicava con l'arma in dotazione unitamente ad altro militare, fino ad accasciarsi al suolo privo di sensi. Chiaro esempio di elette virtù civiche ed altissimo senso del dovere.
Chiari (BS) - 29 marzo 2000

Sergio Gallo, Appuntato Scelto dei Carabinieri - Intervenuto unitamente ad altro militare presso agenzia di credito ove era in corso una rapina, veniva fatto segno da parte di due malviventi a proditoria e violenta azione di fuoco. Con coraggiosa determinazione e consapevole sprezzo del pericolo, replicava con l'arma in dotazione facendo desistere i malfattori dall'intento omicida nei confronti del collega, già a terra gravemente ferito e costringendoli ad abbandonare la refurtiva e a darsi alla fuga. Colpito ad una spalla si accasciava. Chiaro esempio di elette virtù civiche ed altissimo senso del dovere.
Chiari (BS) - 29 marzo 2000

Medaglia d'argento al Valor Civile

Dino Rigliaco, Carabiniere - Con coraggiosa determinazione e cosciente sprezzo del pericolo, ingaggiava, unitamente ad altro militare, un violento conflitto a fuoco con tre malviventi resisi responsabili di quadruplice omicidio, attingendo ripetutamente con l'arma in dotazione il veicolo dei malfattori. L'operazione si concludeva con il fermo di cinque pregiudicati e il recupero delle armi utilizzate nell'eccidio. Chiaro esempio di elette virtù civiche ed elevato senso del dovere.
Strongoli (KR) - 26 febbraio 2000

Mirko Inglese, Carabiniere - Con coraggiosa determinazione e cosciente sprezzo del pericolo, ingaggiava, unitamente ad altro militare, un violento conflitto a fuoco con tre malviventi resisi responsabili di quadruplice omicidio. Benché ferito ad una gamba, replicava con l'arma in dotazione attingendo ripetutamente il veicolo dei malfattori. L'operazione si concludeva con il fermo di cinque pregiudicati e il recupero delle armi utilizzate nell'eccidio. Chiaro esempio di elette virtù civiche ed elevato senso del dovere.
 Strongoli (KR) - 26 febbraio 2000

Giuseppe Scorpio, Appuntato dei Carabinieri - Con ferma determinazione, esemplare iniziativa ed insigne coraggio ingaggiava violenta colluttazione con tre malviventi colti in flagrante rapina ad un istituto di credito. Benché contuso e fatto segno ad azione di fuoco, replicava con l'arma in dotazione colpendo mortalmente uno dei rapinatori. Forniva poi determinanti elementi per il positivo sviluppo delle indagini che si concludevano con la cattura degli altri due, l'identificazione di un correo, il recupero della refurtiva, il sequestro di armi e dei veicoli utilizzati per la rapina. Nobile esempio di elette virtù civiche e non comune senso del dovere.
Roma- 24 marzo 2000

Giacomo Camposeo, Vice Brigadiere dei Carabinieri - Libero dal servizio e benché non armato, con ferma determinazione e coraggioso sprezzo del pericolo, affrontava con altro militare un malvivente armato che aveva rapinato un supermercato e, nonostante le reiterate azioni di fuoco, si impegnava in una violenta colluttazione, riuscendo a trarlo in arresto. L'operazione si concludeva con l'arresto della complice ed il recupero dell'intera refurtiva. Chiaro esempio di elette virtù civiche ed elevato senso del dovere.
Livorno - 11 febbraio 2000

Giuseppe Sarais, Appuntato Scelto dei Carabinieri - Libero dal servizio, con ferma determinazione e coraggioso sprezzo del pericolo, affrontava con altro militare un malvivente armato che aveva rapinato un supermercato e, nonostante le reiterate azioni di fuoco, si impegnava in una violenta colluttazione, riuscendo a trarlo in arresto. L'operazione si concludeva con l'arresto della complice ed il recupero dell'intera refurtiva. Chiaro esempio di elette virtù civiche ed elevato senso del dovere.
Livorno - 11 febbraio 2000

Corradino Di Feliciantonio, Brigadiere dei Carabinieri - Libero dal servizio, con esemplare altruismo e cosciente sprezzo del pericolo, non esitava a tuffarsi nel mare fortemente agitato riuscendo, dopo ripetuti ed estenuanti tentativi, a trarre in salvo una bambina ormai sul punto di annegare. Chiaro esempio di elette virtù civiche e non comune senso del dovere.
Grottammare (AP) - 4 luglio 2000

Donato Dell'Aversano, Appuntato dei Carabinieri - Libero dal servizio, con generoso slancio ed esemplare sprezzo del pericolo, entrava in un'abitazione in fiamme riuscendo a portare all'esterno tre bombole di gas surriscaldate e, nonostante le ustioni riportate, a trarre in salvo un'anziana inferma bloccata nell'appartamento attiguo, anch'esso interessato dall'incendio. Chiaro esempio di elette virtù civiche e di elevato senso del dovere.
Roccasecca (FR) - 1° aprile 2000

Georg Jageregger, Maresciallo Ordinario dei Carabinieri - Con generoso slancio e cosciente sprezzo del pericolo, intervenuto nottetempo sul luogo dove un autoarticolato era precipitato in un torrente, si calava in un dirupo immergendosi nelle gelide e turbinose acque riuscendo, dopo ripetuti tentativi, a raggiungere il conducente rimasto intrappolato fra le lamiere contorte della cabina di guida, tenendogli la testa fuori dall'acqua sino all'arrivo dei vigili del fuoco ed evitandone così il sicuro annegamento. Nobile esempio di elette virtù civiche e non comune senso del dovere.
 Campo Tures (BZ) - 9 settembre 1999

Medaglia di bronzo al Valor Civile

Pietro Gaddeo, Vice Brigadiere dei Carabinieri - Con generoso slancio e cosciente sprezzo del pericolo, si introduceva in un'abitazione in fiamme ed invasa da denso fumo trasportando all'esterno un giovane gravemente ustionato rimasto privo di sensi, cui prestava i primi soccorsi sino all'arrivo dei sanitari. Chiaro esempio di elette virtù civiche ed elevato senso del dovere.
Lignano Sabbiadoro (UD) - 14 gennaio 2000

Rino Severino, Carabiniere Scelto - Con generoso slancio e cosciente sprezzo del pericolo, si introduceva in un'abitazione in fiamme ed invasa da denso fumo trasportando all'esterno un giovane gravemente ustionato rimasto privo di sensi, cui prestava i primi soccorsi sino all'arrivo dei sanitari. Chiaro esempio di elette virtù civiche ed elevato senso del dovere.
Lignano Sabbiadoro (UD) - 14 gennaio 2000

Pino Bozzarelli, Carabiniere - Con generoso slancio e cosciente sprezzo del pericolo, si introduceva in un'abitazione in fiamme ed invasa da denso fumo trasportando all'esterno un giovane gravemente ustionato rimasto privo di sensi, cui prestava i primi soccorsi sino all'arrivo dei sanitari. Chiaro esempio di elette virtù ed elevato senso del dovere.
Lignano Sabbiadoro (UD) - 14 gennaio 2000

Mario Giuliani, Vice Brigadiere dei Carabinieri - Con coraggiosa determinazione e consapevole sprezzo del pericolo, affrontava con altro militare due malviventi sorpresi in flagrante rapina ad agenzia di credito e, fatto segno a proditoria azione di fuoco, replicava con l'arma in dotazione colpendo mortalmente uno dei rapinatori. L'operazione si concludeva con il recupero della refurtiva e il sequestro di un fucile mitragliatore. Chiaro esempio di elette virtù civiche ed elevato senso del dovere.
San Michele al Tagliamento (VE) - 22 ottobre 1999

Romeo Zurini, Appuntato dei Carabinieri - Con coraggiosa determinazione e consapevole sprezzo del pericolo, affrontava con altro militare due malviventi sorpresi in flagrante rapina ad agenzia di credito e, fatto segno a proditoria azione di fuoco, replicava con l'arma in dotazione colpendo mortalmente uno dei rapinatori. L'operazione si concludeva con il recupero della refurtiva e il sequestro di un fucile mitragliatore. Chiaro esempio di elette virtù civiche ed elevato senso del dovere.
San Michele al Tagliamento (VE) - 22 ottobre 1999

Biagio Bellina, Appuntato Scelto dei Carabinieri - Con generoso slancio ed esemplare sprezzo del pericolo, si introduceva in un'abitazione satura di gas e fumo ove una donna con propositi suicidi aveva provocato un incendio, riuscendo a portare all'esterno diverse bombole di gas surriscaldate ed a trarre in salvo, coadiuvato da altro militare, la malcapitata e due ragazzi rinvenuti privi di sensi. Chiaro esempio di elette virtù civiche ed elevato senso del dovere
 Bagheria (PA) - 19 gennaio 2000

Alfonso Lombardo, Maresciallo Ordinario dei Carabinieri - Libero dal servizio, con generoso slancio e cosciente sprezzo del pericolo, si introduceva con altri militari in un'abitazione in preda a violento incendio, traendo in salvo un anziano disabile. Reiterava quindi coraggiosamente l'intervento per impedire che le fiamme raggiungessero le condutture del gas divelte dalla deflagrazione, scongiurando così un più grave disastro. Chiaro esempio di elette virtù civiche ed elevato senso del dovere.
Pont Canavese (TO) - 27 settembre 1999

Pietro Galizia, Carabiniere Scelto - Libero dal servizio, con generoso slancio e cosciente sprezzo del pericolo, si introduceva con altri militari in un'abitazione in preda a violento incendio, traendo in salvo un anziano disabile. Reiterava quindi coraggiosamente l'intervento per impedire che le fiamme raggiungessero le condutture del gas divelte dalla deflagrazione, scongiurando così un più grave disastro. Chiaro esempio di elette virtù civiche ed elevato senso del dovere.
Pont Canavese (TO) - 27 settembre 1999

Luca Giorda, Carabiniere Ausiliario - Libero dal servizio, con generoso slancio e cosciente sprezzo del pericolo, si introduceva con altri militari in un'abitazione in preda a violento incendio, traendo in salvo un anziano disabile. Reiterava quindi coraggiosamente l'intervento per impedire che le fiamme raggiungessero le condutture del gas divelte dalla deflagrazione, scongiurando così un più grave disastro. Chiaro esempio di elette virtù civiche ed elevato senso del dovere.
Pont Canavese (TO) - 27 settembre 1999

Giuseppe Fichera, Maresciallo Capo dei Carabinieri - Libero dal servizio, con generoso slancio e consapevole sprezzo del pericolo, si calava in una profonda voragine in soccorso di un giovane operaio rimasto sommerso da una massa di detriti e, pur nell'incombente rischio di altri smottamenti, riusciva, scavando a mani nude, a trarlo in salvo. Chiaro esempio di elette virtù civiche e non comune senso del dovere.
Saviano (NA) - 13 aprile 2000

Angelo Fiorot, Vice Brigadiere dei Carabinieri - Con coraggiosa determinazione e consapevole sprezzo del pericolo, affrontava, unitamente ad altro militare, quattro malviventi in flagrante rapina. Fatto segno a violenta e proditoria azione di fuoco, replicava con l'arma in dotazione colpendo due rapinatori, uno dei quali mortalmente. Partecipava quindi alla fasi successive dell'operazione che si concludevano con il sequestro di due fucili mitragliatori e di numerose munizioni. Chiaro esempio di elette virtù civiche e altissimo senso del dovere.
Castelfranco Emilia (MO) - 8 settembre 2000

Antonio Maiorano, Appuntato dei Carabinieri - Con coraggiosa determinazione e consapevole sprezzo del pericolo, affrontava, unitamente ad altro militare, quattro malviventi in flagrante rapina. Fatto segno a violenta e proditoria azione di fuoco, replicava con l'arma in dotazione colpendo due rapinatori, uno dei quali mortalmente. Partecipava quindi alla fasi successive dell'operazione che si concludevano con il sequestro di due fucili mitragliatori e di numerose munizioni. Chiaro esempio di elette virtù civiche e altissimo senso del dovere.
Castelfranco Emilia (MO) - 8 settembre 2000

Calogero Catania, Carabiniere - Con generoso slancio e cosciente sprezzo del pericolo, non esitava a saltare da un balcone ubicato al terzo piano di uno stabile su quello attiguo e, rischiando di essere trascinato nella caduta, riusciva ad afferrare per un polso ed a trarre in salvo un'anziana donna che si era lanciata nel vuoto a scopo suicida. Nobile esempio di elette virtù civiche e non comune senso del dovere
Serrata (RC) - 16 Maggio 2000

Alfonso Amorevole, Maresciallo Aiutante dei Carabinieri - Con generoso slancio e cosciente sprezzo del pericolo, si introduceva, unitamente ad appartenenti ad altre forze di polizia, in un'abitazione invasa dalle fiamme, riuscendo a trarre in salvo due anziani coniugi privi di sensi. Chiaro esempio di elette virtù civiche e non comune senso del dovere. Tarquinia (VT) - 2 Febbraio 2000

Michele Fensore, Carabiniere - Libero dal servizio, con generoso slancio e cosciente sprezzo del pericolo, si tuffava nel mare fortemente agitato in soccorso di un minore in procinto di annegare e, raggiuntolo, riusciva a condurlo in salvo nonostante le escoriazioni procuratesi per proteggerlo dal violento urto contro una scogliera. Chiaro esempio di elette virtù civiche e non comune senso del dovere.
Loc. "Porto Rifugio" di Gela (CL) - 31 Maggio 2000

Giorgianni Cerruto, Maresciallo Aiutante dei Carabinieri - Con generoso slancio e cosciente sprezzo del pericolo, raggiunto un alto dirupo roccioso a precipizio sul mare, riusciva, rischiando di essere trascinato nel vuoto, ad afferrare per un braccio ed a trarre in salvo un uomo che, colto da crisi depressiva, minacciava di suicidarsi. Nobile esempio di elette virtù civiche e non comune senso del dovere.
Tortolì (NU) - 13 ottobre 2000

Medaglia d'argento al Merito Civile

Bandiera di Guerra del 9° Battaglione Carabinieri "Sardegna"- Dando prova di esemplare efficienza e radicato senso civico, con la corale partecipazione di tutti i suoi militari, prestava tempestivo soccorso e assistenza in occasione di violento nubifragio che provocava la morte di due persone e gravi danni a case e colture, contribuendo con protratto e generoso impegno al ripristino delle normali condizioni di vita delle comunità. Per la mirabile dedizione ed il profondo senso di umanità e di abnegazione riscuoteva l'unanime e riconoscente plauso delle popolazioni.
Cagliari - 13-20 novembre 1999

Medaglia di bronzo al Merito Civile

Comando Provinciale Carabinieri di Cagliari - Le Compagnie Carabinieri di Cagliari, Iglesias e San Vito, dando prova di esemplare efficienza e radicato senso civico, con la corale partecipazione di tutti i propri militari, prestavano tempestivo soccorso e assistenza in occasione di violento nubifragio che provocava la morte di due persone e gravi danni a case e colture, contribuendo con protratto e generoso impegno al ripristino delle normali condizioni di vita della comunità. Per la mirabile dedizione ed il profondo senso di umanità e di abnegazione riscuotevano l'unanime e riconoscente plauso delle popolazioni.
Cagliari - 12-19 novembre 1999

Mauro Raffo, Vice Brigadiere dei Carabinieri - In occasione di violento nubifragio che provocava lo straripamento del torrente Sturla e numerosi allagamenti in città, esponendosi a gravissimo rischio, unitamente ad altri militari, riusciva a trarre in salvo una donna e due bambini rifugiatisi sul tetto di un capanno attiguo all'abitazione già sommersa dalle acque. Chiaro esempio di virtù civiche e generosa solidarietà umana.
Genova - 23 ottobre 1999

Giovanni Riga, Appuntato dei Carabinieri - In occasione di violento nubifragio che provocava lo straripamento del torrente Sturla e numerosi allagamenti in città, esponendosi a gravissimo rischio, unitamente ad altri militari, riusciva a trarre in salvo una donna e due bambini rifugiatisi sul tetto di un capanno attiguo all'abitazione già sommersa dalle acque. Chiaro esempio di elette virtù civiche e generosa solidarietà umana.
Genova - 23 ottobre 1999

Stefano Fruttino, Carabiniere Ausiliario - In occasione di violento nubifragio che provocava lo straripamento del torrente Sturla e numerosi allagamenti in città, esponendosi a gravissimo rischio, unitamente ad altri militari, riusciva a trarre in salvo una donna e due bambini rifugiatisi sul tetto di un capanno attiguo all'abitazione già sommersa dalle acque. Chiaro esempio di elette virtù civiche e generosa solidarietà umana.
Genova - 23 ottobre 1999

Umile Arcuri, Carabiniere Ausiliario - Libero dal servizio, con generoso slancio e cosciente sprezzo del pericolo, raggiunto senza indugio il ciglio di un viadotto, riusciva, con l'aiuto di altro animoso, ad afferrare appena in tempo per un braccio ed a trarre in salvo un uomo in procinto di lanciarsi nel vuoto a scopo suicida. Nobile esempio di elette virtù civiche e non comune senso del dovere.
Cosenza - 10 aprile 2000

Mattia Giusti, Carabiniere Ausiliario - In occasione di violento nubifragio che provocava lo straripamento del torrente Sturla e numerosi allagamenti in città, esponendosi a gravissimo rischio, unitamente ad altri militari, riusciva a trarre in salvo una donna e due bambini rifugiatisi sul tetto di un capanno attiguo all'abitazione già sommersa dalle acque. Chiaro esempio di elette virtù civiche e generosa solidarietà umana.
Genova - 23 ottobre 2000

Roma, 4 giugno 2001